Un amico

In una piccola casa di campagna, un po’ isolata rispetto alle altre del villaggio, viveva una famiglia composta da quattro persone. Madre, padre e i due figli, gemelli, un maschio e una femmina. Ogni mattina entrambi i bambini venivano portati in macchina fino alla cittadina più vicina per frequentare la scuola. Andavano d’accordo fra di […]

Caro diario

Caro diario è da una vita che non scrivo. Non mi è mai piaciuta l’idea di raccontare le mie noiose giornate di scuola. Infatti oggi voglio ricordare tre sogni che ho fatto.Due notti fa mi sono ritrovata nel corpo del gatto di mia cugina. Attraverso quegli occhi era tutto diverso. Tutto era strano, troppo interessante […]

Amico mio

Amico mio, ti scrivo dalla terra che abbiamo calpestato. Anzi, sono la terra che hai calpestato, battuto, compattato e granulato con le piante scalze dei piedi: ma di questo io ti perdono, perché per un po’ mi hai solleticata. Sono la terra offesa che ride, e tu sei il mare che con l’erotismo dei movimenti […]

CULICIDAE

Sto male!Nessuno mi ascolta, io intrappolata in questo corpo, zavorra che nasconde la mia anima celeste, pura, sensibile, che questo mondo inquinato non si merita…Vorrei urlare, uscire allo scoperto e dire a tutti che non sono cattiva, ho anche io delle emozioni, dei sentimenti! La paura costantemente nei miei occhi non la nota nessuno, tutti […]

Voce del verbo fiorire

Mi sveglio. Panico. Intorno a me è completamente buio. Non vedo nulla. Provo a sgranchirmi ma non ho spazio: sono circondato da spesse pareti, durissime, che mi impediscono di compiere anche il minimo movimento. Presto mi rendo conto di essere molto stanco, debolissimo, di non avere alcuna energia. Così, il troppo sonno vince l’agitazione e […]

Io fuori

Ho sentito di qualcuno che voleva che scrivere fosse un verbo impersonale. Dire “oggi scrive” allo stesso modo di come si dice “oggi piove”. Ma allora di chi è la mano che tiene questa penna, chi è che preme i tasti su questa tastiera, di chi sono queste dita, questa testa?Stamattina mi sono risvegliato in […]

La mia forma

Quando ero piccolo, durante la ricreazione, guardavo al di là della rete che circondava il nostro grande giardino e ammiravo la libertà degli adulti. Ma non la potevo comprendere.Le insegnanti, i genitori o gli amici dei genitori, erano tutti ottimi esempi, perché semplicemente avevano troppi anni in più di me sulle spalle.C’erano i compiti, nient’altro. […]

Natura

Semplice forma della natura, celestiali astri che nella tenebra illuminano le mie serate grigie.Le mie notti senza sogni, le notti sperate, desiderate. Astri luminosi mi baciano la pelle, il sole che in tutto il suo splendore si alza e mi saluta, la luna timida che mi culla in queste sere dove sono sola con i […]

Arianna

Lei, Arianna, era così: sapeva essere libera. Aveva quattordici anni e nel corpo mascolino l’avresti detta più acerba, più giovane persino, sciolta nella sua androginia. Il segno del tempo ne aveva appena sfiorato il petto con timidi seni, ma le gambe, e le ginocchia, le aveva calcaree: da purosangue. Il portamento massiccio ricordava quello delle […]

Natura

Tra le vecchie foto della mia infanzia, ne trovo una che mi colpisce: una bambina sdraiata su un tappeto di margherite guarda l’obiettivo della macchina fotografica, con un sorriso talmente grande che sembra andare da un orecchio all’altro. I capelli disordinati sull’erba. La salopette di jeans. Certi ricordi cominciano ad affiorare. Un misto di gioia […]

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.