Femmina

Ho l’impressione di osservare un mondo con alte mura e accessi sbarrati.
Avvicinandosi in punta di piedi, si sente qualche suono.
A volte sono riuscito quasi a sfiorarlo, o almeno cercavo di farlo.
Un mondo così bello e armonioso, che quando non è parte di te nient’altro dà lo stesso conforto. Ti ricordi di ogni minimo contatto e rianima voglie, mancanze, un bisogno di normalità che vorresti sopprimere.
Si cerca qualche rimedio alla sofferenza, si cerca di fare tesoro anche di uno sguardo.
La paura, il distacco, la diversità, la tua diversità, arrivano ad avvolgerti.
L’immaginazione di una situazione, di un momento reale diventa un turbine di emozioni, di fantasie, di idee, di gesti, che con la realtà forse hanno poco a che fare.
È talmente facile entrarci che sembra sia lei a chiamarti.
Come in qualsiasi posto sicuro, non ci sono ostacoli o pericoli, nemmeno uno.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.