Sulla soglia

Nel pallore della stanza, stupito
domandi cosa sia intenta a contemplare –
creatura immobile e tutta tremante –
tra due vasi di fiori avvizziti e
pervasi da un’aria stantia:
ma non la tua sagoma, fratello
scruto in silenzio –
se il ricordo del tuo sguardo
si insinua già, nudo,
nelle crespe della mia memoria.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.